Salta al contenuto
Liberadanza

liberaDanza

Madeleine Braun

Insegnante: Madeleine Braun

Si è formata in Svizzera e a Firenze dove vive e lavora attualmente. La sua formazione polivalente comprende lo studio dell’espressione corporea, della danza espressiva, di varie tecniche corporee, della musica e del canto. Negli anni ’70 frequenta a Firenze le lezioni di Traut Faggioni e la scuola MIM di Orazio Costa. Dopo la laurea in Psicopedagogia si avvicina alla psicomotricità, segue corsi di psico-dramma e di uso della voce. Da più di 30 anni conduce un’intensa attività di insegnamento nel campo della percezione ed espressione corporea. Ogni settimana più di 140 persone danzano, lavorano e giocano nel suo studio, per entrare in contatto con il corpo e con le proprie emozioni e per esprimersi in maniera appagante. Crea e sviluppa un suo metodo per elaborare i sogni attraverso il corpo che danza: Sognodanza. Tiene dei fine-settimana di liberaDanza a tema, e corsi di formazione per insegnanti di vari indirizzi. È docente nella formazione di operatori e artisti in  “Danze di Comunità” alla scuola di Brescia (DANZA .COMM – community dance). Viene invitata da vari organismi a tenere conferenze sulla “liberaDanza” creata da lei. È autrice del libro: “Io danzo! Gesto, espressione, movimento dopo i 60 anni” edito da Mousikè – progetti educativi, Bologna.

Orario Lezioni

  • lunedì ore 18.40 – lezione di 1 ora e 40 minuti
  • mercoledì ore 20.00 – lezione di 2 ore

Divertirsi e andare in profondità

Danzare l’esuberanza e la tranquillità

Stare col gruppo e concentrarsi su sé stesse/i

Giocare con la conflittualità e sperimentare pace

Esprimere l’aggressività e la dolcezza

Affernare sé stesse/i e adeguarsi al gruppo

Espandere e contenere

Resistere e cedere

Esplorare, improvvisare, inventare, divertirsi.

Esprimersi in libertà senza essere giudicate/i.

Il gruppo accoglie i messaggi del corpo,

dà ad essi risonanza in una danza di gruppo.

Sciogliere le tensioni

Costruire l’autostima e il rispetto per quello che percepiamo

Ascoltare i nostri bisogni in piena libertà da giudizi e confronti, nello stesso tempo acquistiamo padronanza del movimento libero, immaginazione motoria e scopriamo l’infinita saggezza del corpo.



Galleria immagini